Questo sito potrebbe utilizzare cookie per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Chiudendo questa notifica acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. Leggi di più

Archivio News
MONDO: Nyden, la start-up di H&M con proposte di abbigliamento innovative e particolari, è pronta a crescere

Nyden, il brand nascente sostenuto da H&M che ha sfruttato il potere dei social media, è pronto a crescere. La start-up verrà lanciata sulla piattaforma della sua compagnia madre, hm.com, continuando a gestire il proprio sito di e-commerce. Un portavoce di H&M ha affermato che Nyden manterrà la sua immagine distintiva e innovativa sul sito di e-commerce di H&M e continuerà a produrre le proprie immagini pubblicitarie e di marketing originali. “Nyden è una start-up più piccola all'interno di H&M group in cui abbiamo testato diverse idee. È stata ben accolta e abbiamo ottenuti dei buoni risultati nelle aree che abbiamo testato”, ha dichiarato un portavoce di H&M. “Per questo motivo, stiamo portando Nyden un ulteriore passo avanti e spostando il progetto sulla piattaforma H&M con il nome di Nyden. Quest'ultimo continuerà ad essere venduto su Nyden.com. Manterrà il suo nome e, per ora, sarà venduto in esclusiva su hm.com, non nei negozi. Continueranno a produrre le proprie campagne pubblicitarie ed i propri contenuti e manterranno il proprio look e feel. Rimarrà separato dalla collezione H&M. Il progetto di start-up avrà un potenziale maggiore su una piattaforma più ampia.” Il label sostierne di non essere un fashion brand tradizionale. Invece di un designer che fa tutto, Nyden collabora con influencer che contribuiscono al processo di progettazione. Il brand rifugge le stagioni prescritte dall'industria della moda, optando invece per una serie di drop ed eventi rilevanti. Il co-fondatore di Nyden, Christopher Skogfeldt, ha espresso il suo disprezzo per la il 'fashion establishment' lo scorso anno con WWD, dicendo: “Non lavoriamo con nulla che sia legato al tradizionale settore della moda. Vogliamo dare solo ispirazione e ciò che il cliente desidera. Stiamo chiedendo agli influencer di aiutarci con il design e di dimostrare che il potere nella moda e la potenza nel design non sono nelle mani dei designer di Parigi, ma nelle mani delle persone.” Il brand nato online ha presentato co-creatori di alto profilo come la pop star Dua Lipa, che ha più di 14 milioni di follower, e Justine Skye, cantante e compositrice con oltre 1,3 milioni di follower, scelti perché simboli del marchio. La collezione comprende articoli come un maglione con frange a $120, una giacca aderente in jeans con borchie in metallo argentato con motivo grafico a $170, e jeans a gamba larga abbinati a $150. Una giacca di pelle stampa serpente a $550, una giacca da motociclista in pelle bianca con frangia lunga a $500, e la giacca Humble Arrogance, un modello da motociclista nero con borchie in metallo a $550. H&M ha visto in Nyden l'opportunità di imparare da un brand digitale e potenzialmente adottare alcune delle innovazioni per il proprio business.

USA: Stop & Shop sperimenta la consegna con auto senza autista inserendo un elemento in più

Stop & Shop è l'ultimo grocer in ordine di tempo ad aver deciso di testare le consegne effettuate tramite veicoli automatizzati e autonomi, ma lo vuole fare con un approccio unico. A partire dalla primavera, la catena di supermercati lancerà veicoli senza conducente nella zona di Greater Boston. I mezzi, forniti dalla startup di San Francisco Robomart, porteranno una selezione di prodotti Stop & Shop, kit pasto e oggetti di convenienza direttamente alle case dei consumatori. Gli shoppers potranno chiamare i veicoli Robomart con un'app per smartphone. Dove questo test differisce dagli altri recenti programmi di consegna di generi alimentari senza conducente, sta nel fatto che i clienti acquistano effettivamente i prodotti dal veicolo. All'arrivo dell'auto, i clienti escono, aprono le portiere, quindi selezionano personalmente frutta, verdura e altri prodotti che desiderano acquistare. Al termine dello shopping, i clienti chiuderanno le portiere e lasceranno ripartire l'auto.

La tecnologia RFID dei mezzi e la tecnologia di visione dei computer registreranno automaticamente ciò che i clienti selezionano per fornire una checkout-free experience, e le ricevute saranno inviate via e-mail in pochi secondi. Questa mossa offrirà inoltre il potenziale a Stop & Shop di espandersi oltre la sua attuale presenza fisica. “Questo è un modo in cui stiamo sfruttando la nuova tecnologia per semplificare lo shopping per i nostri clienti, essenzialmente portando il negozio da loro”, ha dichiarato Mark McGowan, presidente di Stop & Shop. “Riconosciamo anche che molti dei nostri clienti vogliono avere l'opportunità di fare le proprie scelte quando si tratta di prodotti freschi, e siamo orgogliosi di essere il primo retailer ad impegnarsi con Robomart per soddisfare le esigenze dei nostri clienti con la loro soluzione all'avanguardia.” La consegna senza conducente continua a essere una tendenza in crescita nel settore alimentari. Walmart sta conducendo diversi test in vari mercati con vari provider di tecnologia, più recentemente un programma con furgoni senza conducente custom-made da Udelv per la consegna di generi alimentari selezionati personalmente dai personal shoppers Walmart per i clianti a Surprise, in Arizona. Tutti i veicoli Robomart sono autonomi, elettrici e saranno pilotati a distanza da una sede di Robomart. Durante il viaggio, i veicoli teleguidati saranno riforniti con nuovi prodotti Stop & Shop.

REGNO UNITO: dopo il successo di Milano e Berlino, Lush apre il suo primo packaging-free store nel Regno Unito

Il beauty brand Lush ha aperto il suo primo negozio 'Naked' nel Regno Unito, completamente privo di qualsiasi imballaggio in plastica, a Manchester. Il retailer, famoso per le sue 'bombe' da bagno dai colori vivaci, propone quindi nella nuova location alternative, senza packaging di plastica, ai cosmetici preferiti dagli shoppers: dai classici, come le barrette solide di shampoo e saponi, alle nuove innovazioni per la cura della pelle. Lo store di Manchester store, sorto su Market Street, segue il successo dei negozi 'Naked' di Milano e Berlino inaugurati lo scorso anno, in quanto il brand vuole ridurre non solo il proprio packaging ma anche creare una discussione con i clienti in merito all'inquinamento causato dalla plastica.

Il co-fondatore e managing director di Lush, Mark Constantine, ha dichiarato: “In Lush, avoriamo in un settore in cui il packaging costa al cliente più del prodotto. Ora, il cliente deve prima di tutto preoccuparsi di come riciclare qualcosa che non desiderava acquistare. Questo ci sembra un pessimo affare. Se riusciamo a togliere tutte le confezioni di plastica, possiamo offrire ai nostri clienti un miglior rapporto qualità-prezzo.” Con l'intento di ridurre ulteriormente l'impatto sull'ambiente, Lush ha anche implementato un nuovo modo di etichettare con Lush Lens, un'app LushLabs lanciata di recente per sostituire il packaging con una soluzione digitale. Lush Lens utilizza la fotocamera del telefono ed il Machine Learning per riconoscere i prodotti attraverso la fotocamera dello smartphone dell'utente, il che significa che i clienti possono scansionare i prodotti inquadrandoli, per ottenere informazioni dettagliate sull'ingrediente e le dimostrazioni 'come usarlo' tramite l'app. I prodotti ‘Naked’ rappresentano quasi il 50% della gamma principale di Lush e nel 2018, i clienti di Lush nel Regno Unito hanno risparmiato 1,8 milioni di bottiglie di prodotti da bagno in plastica scegliendo invece bombe da bagno senza packaging. “Ridurre il packaging è qualcosa a cui Lush sta lavorando da molti, molti anni,” ha aggiunto il retailer di cosmesi. “Questo store mira a superare i confini e ad esplorare quali ulteriori cose possiamo fare, una discussione tra noi e i nostri clienti e una celebrazione del fatto che, dopo 20 anni di sviluppo, siamo in grado di riempire un intero negozio con innovative alternative cosmetiche innovative 'naked' e di offrire una brand shopping experience completamente nuova con l'utilizzo della tecnologia.”

USA: ecco i top trends che determineranno la crescita retail nel 2019

Ci vuole un tocco umano per aiutare i negozi fisici ad avere successo nel mondo digitale di oggi. Questo secondo un report emesso da Retail Store Tours che, in a partnership con il NRF 2019 Retail’s Big Show, ha recensito più di 1.000 negozi a New York, Los Angeles e Las Vegas negli ultimi 12 mesi e ha scoperto nove fattori che stanno determinando il successo nel retail oggi. “Esaminando centinaia di store e format retail nell'ultimo anno abbiamo scoperto i fattori vincenti, tra cui formazione dei dipendenti, l'ambiente di vendita, l'uso della tecnologia, il modello di business, il design del negozio, la gestione del cliente, la storia del brand, il concept unico, il tocco umano e il cambiamento,” ha dichiarato Dan Hodges, fondatore e CEO di Retail Store Tours, una divisione di Consumers in Motion Tours, che aiuta le aziende a innovare e anticipare le aspettative in continua evoluzione dei clienti. Ecco un riassunto dei risultati:

- il tocco umano: Apple Store assume gli addetti alle vendite in base alla loro gentilezza e li valuta in base all'empatia con il cliente. Microsoft retail assume dipendenti retail che sono allo stesso tempo divertenti e capaci di trasmettere le informazioni. È interessante notare che due dei principali retailer di tecnologia sono focalizzati sul tocco umano come strategia aziendale.

- uso della tecnologia: tecnologia di coinvolgimento dei clienti che interagisce con gli shoppers in-store è un gioco vincente. L'app Color IQ di Sephora consente ad un cliente di selezionare il make-up mentre osserva se stesso con Color IQ.

- formazione dei dipendenti: Apple, Sephora, Tiffany e altri importanti retailer stanno costantemente formando i propri dipendenti per aggiornare le loro conoscenze sui prodotti e le competenze delle persone.

- modello di business: le aziende focalizzate sulla personalizzazione stanno vincendo sul mercato. Due esempi sono Bonobos, che è uno showroom in-store in cui gli uomini vengono aiutati a selezionare abiti con stilista in negozio e Untuckit, che è un business in cui gli shoppers ricevono stile e taglia in-store utilizzando un numero di camicie pre-dimensionate.

- store design: il design di Apple store presenta un approccio minimalista che è un ambiente estremamente coinvolgente. Lo store Ray-Ban è un negozio multi-experience in cui è possibile esaminare i propri occhi e selezionare una montatura personalizzata secondo i propri gusti. Lo store Sonos utilizza il suono e l'ambiente per creare un'esperienza audio coinvolgente. Sephora utilizza store experience augmented dalla tecnologia integrata nello store design.

- gestione del cliente: tutti i negozi di primo livello hanno personale che utilizza il tocco personale combinato con strumenti tecnici per coinvolgere e co-creare la shopping experience. Aldo utilizza la tecnologia per connettere gli strumenti per addetti alle vendite front-end con l'inventario back-end. Aldo utilizza la tecnologia in-store in cui i clienti possono interagire direttamente con i prodotti nel negozio.

- storia del brand: tutti i retail store vincenti hanno una storia del DNA del brand unica che nasce da un bisogno del mercato o da un fondatore visionario.

- proposta unica: Real Real, B8ta, Everlane, Alo Yoga, Brooklinen, 3 × 1 e The Apartment sono tutte offerte distintive con un concept unico e uno scopo focalizzato. Questi negozi offrono prodotti unici e esperienze di acquisto non reperibili altrove.

- cambiamento: i retailer che si adattano ai comportamenti e alle tendenze in rapida evoluzione dei consumatori sono i vincitori. Il futuro appartiene ai 'velocisti' e alla loro capacità di adattare i loro modelli di business.